Crea sito

19 maggio in ricordo di Almerigo Grilz

19 maggio 1987, in Mozambico cade colpito mentre riprende un conflitto a fuoco tra gli anticomunisti della Renamo e le truppe governative, Almerigo Grilz, reporter di guerra. 

Alla televisione i telegiornali quel giorno sono trasmessi in forma ridotta per uno sciopero dei giornalisti, all’apertura del Tg1, Paolo Frajese dà la notizia della sua morte, era il primo giornalista italiano a morire su un campo di battaglia dalla fine della seconda guerra mondialemondiale, in una delle tante “guerre dimenticate” dai media dell’epoca. 

Per anni anche la figura di Almerigo Grilz è stata “dimenticata”, era morto un giornalista, ma quel giornalista era anche stato un militante politico di rilievo, era stato il capo storico del Fronte della Gioventù di Trieste, era conosciuto in tutta Italia, e per un periodo aveva anche ricoperto la carica di consigliere comunale. 

Se ne ricordavano nella maggior parte dei casi solo per le consuete discriminazioni in nome dell’antifascismo, nonostante la qualità del suo lavoro l’avesse portato ad essere conosciuto in tutto il mondo. 

Certo, c’era anche chi non lo dimenticava, e non l’ha mai fatto: la sua comunità politica, ed anche tanti suoi colleghi di lavoro liberi da certi stupidi pregiudizi, finché nel 2002, a Trieste gli venne intitolata una via della sua città. 

Sulla sua figura sono Stati scritti libri e numerosi articoli, organizzati convegni, mostre fotografiche, la cerimonia in occasione del trentennale della scomparsa presso il consiglio comunale triestino, ed anche questo 19 maggio c’è chi lo ricorda a Trieste, in via Paduina, sotto quella che è stata la sede storica del suo Fronte della Gioventù. 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: