Crea sito

25 APRILE LUTTO NAZIONALE

«Presero la bambina, e ci giocarono a pallone, portandola in uno stato comatoso, perdendo tanto sangue che non aveva più la forza di chiamare suo papà, poi si sfogarono su mia moglie, malmenandola e percuotendola in modo che lascio alla vostra immaginazione, poi in cinque cominciarono a battermi con il calcio del moschetto, sulla testa e sulla schiena, tutto ciò perché rivelassi dove avevo nascosto altri soldi e altro oro.»
Papà Ghersi

Giuseppina Ghersi, bambina di 13 anni stuprata e uccisa da “gloriosi partigiani”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: