Crea sito

Altra trovata del governo di A.Sansoni

Italia, paese di santi, navigatori (su internet), poeti (mancati) e… servi zelanti. Nuovo giro altra corsa per
questo Governo che sembra tirare fuori dal proprio cilindro, alcune decisioni molto paradossali o che
rasentano tale termine. Stavolta ecco spuntare la figura dell’assistente civico che, stando alle intenzioni
del Governo in accordo con l’Anci (Associazione nazionale comuni italiani) dovrà svolgere, su base
volontaria e quindi non retribuita come figura (sarà così nella sostanza?) un rigido controllo far rispettare
il distanziamento sociale nei parchi, nelle spiagge, nelle piazza e anche fuori dai locali, insomma in tutti i
posti dove si possono creare i cosidetti assembramenti. Altra funzione, sostenere la parte più debole
della popolazione: compito non chiaro questo, non specificato nel dettaglio. L’idea è stata ‘partorita’ dal
ministro degli Affari Regionali Francesco Boccia. La copertura? Circa 60 mila posti. Chi presenterà la
domanda? Probabilmente quei cittadini così tanto ligi alle regole imposte che magari nella Fase Uno
stavano sui balconi a spiare il vicinato e si prodigavano in telefonate solerte alle forze dell’ordine se
vedevano atteggiamenti non consoni alle normative anti-Covid. Sarà così? Può essere, perchè la figura
di riferimento lascia tanto pensare a persone così tanto devote a questo Governo. Vediamo brevemente
in cosa consisterà questa nuova figura. Gli assistenti civici presteranno la loro attività, come detto poco
sopra, a titolo gratuito, per un massimo di 16 ore settimanali e non più di tre giorni a settimana e
seguiranno le disposizioni del proprio Comune per il quale operano. L’inail coprirà loro eventuali infortuni
(in che senso?) e avranno una polizza assicurativa di responsabilità civile verso terzi in caso di eventi
che lo richiedano: e qui siamo appunto alle spese per la gestione di questa figura. I cittadini poi potranno
riconoscere l’assistente civico da un’apposita divisa, altrimenti detta casacca, dove ci sarà la scritta
‘Assistente civico’, con davanti il logo della Protezione civile nazionale, dell’Anci e del Comune in cui
prestano il servizio. Una domanda nasce spontanea: ma quindi le forze dell’ordine cosa ci stanno a fare?
Il Governo non poteva delegare direttamente a loro questo compito? Unica certezza: ormai l’Italia è
diventata un Paese grottesco, dove però il grottesco prima restava confinato su un balcone di un teatro,
oggi invece è alla mercé di tutti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: