Crea sito

Austria e Grecia dichiarano guerra all’immigrazione illegale di L.Lago

Mercoledì, i capi di governo austriaco e greco Sebastian Kurz e Kyriakos Mitsotakis hanno annunciato che prenderanno misure più drastiche contro l’immigrazione illegale.
“La Grecia come paese al confine esterno dell’UE e l’Austria come ‘paese bersaglio’ continueranno il loro lavoro per sviluppare una politica europea comune ed efficace su questi temi”, ha dichiarato il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis in un commento all’Österreichischer Rundfunk mercoledì.

A tutti i potenziali immigrati illegali dovrebbe essere inviato un messaggio chiaro sulle politiche migratorie restrittive. Si tratta di distruggere il modello di business dei trafficanti e prevenire la morte dei richiedenti asilo nel Mar Mediterraneo, ha aggiunto il cancelliere austriaco Sebastian Kurz.
Pochi giorni prima il leader austriaco Sebastian Kurz aveva detto che l’Europa ha preso “completamente la strada sbagliata” quando cinque anni fa ha permesso l’ingresso a così tanti migranti. Il cancelliere ha detto che un gran numero di migranti causa problemi perché “cambiano il sistema sociale” delle società di accoglienza.

Sebastian Kurz ha detto all’agenzia di stampa tedesca Dpa che “era contrario all’apertura delle frontiere sin dall’inizio”, riferendosi alle mosse di altri leader europei, principalmente la tedesca Angela Merkel, per consentire a un gran numero di richiedenti asilo di arrivare dall’Ungheria nel 2015. Kurz era allora ministro astriaco dell’integrazione all’epoca.
“La politica di frontiere aperte non ha portato solo al fatto che molte persone si sono recate in Europa causando un enorme fardello in gran parte dell’Europa centrale”, ha detto Kurz.
“Significa anche che i trafficanti hanno guadagnato enormi somme di denaro e innumerevoli persone sono annegate nel Mar Mediterraneo”.
Avere troppi migranti è un problema perché cambiano le loro società di accoglienza, ha detto Kurz. Ha attribuito sentimenti antiebraici agli immigrati provenienti da paesi a maggioranza musulmana: “Stiamo affrontando l’antisemitismo che è in parte importato”, ha detto.
l leader austriaco ha elogiato il primo ministro greco, Kyriakos Mitsotakis, per aver protetto i confini esterni del suo paese. L’UE sta ora investendo nella protezione dei suoi confini e sono state stabilite regole chiare per le organizzazioni non governative nel Mediterraneo, ha aggiunto Kurz .

Nota: Soltanto in Italia gli ambienti del Governo attuale e dei partiti collegati a George Soros (da cui ricevono cospiqui finanziamenti) , non intendono questi concetti e continuano la loro propaganda di apertura all’immigrazione illegale di massa. Il finto buonismo ostentato dalla sinistra migrazionista nasconde in realtà i grandi interessi economici dietro il fenomeno.

Fonti: News Front – Infomigrants.net

Traduzione e nota: Luciano Lago

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: