Crea sito

Ci ha lasciato NIDIA CERNECCA

Raccontò la tragedia delle foibe e la morte di suo padre vittima dell’odio comunista.

“Mio padre fu ucciso, perché italiano, nel 1943 dai comunisti slavi”.

 Dice a classe ’36,autrice di libri sulle Foibe 

Suo padre fu ucciso con brutalità, scrive nei suoi libri. “Fu lapidato a morte. Decapitato”. 

«Gli slavi torturarono a morte mio padre. Non contenti, lo decapitarono per estrargli due denti d’oro. E poi, per sfregio, con la sua testa ci giocarono a palla, sui binari del treno. La sua “colpa”? Era italiano».

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: