Crea sito

DITTATURA TECNICO SANITARIA SEMPRE PIÙ VICINA di L.Lago

DITTATURA TECNICO SANITARIA SEMPRE PIÙ VICINA E CONCRETA :IL GOVERNO CONTE/DI MAIO RECLUTA 60.000 ‘ASSISTENTI CIVICI’ PER IL CONTROLLO DEI COMPORTAMENTI
Il governo Conte/Di Maio non cessa di stupire. La sua ultima trovata: pronti a reclutare cittadini volontari che devono agire come “guardiani del distanziamento sociale”, che sorveglieranno le masse quando queste torneranno ad affollarsi nelle strade per la “movida”, nelle spiagge, nei parchi nei bar e nei locali pubblici.
Questa settimana il governo pubblicherà un bando per 60.000 cosiddetti “assistenti civici” per aiutare a svolgere compiti di controllo e sorveglianza – come la segnalazione delle infrazioni a distanza sociale o la mancanza di mascherine – durante la fase 2 di riapertura, per prevenire la non conformità dei comportamenti alle direttive del governo Conte e per contribuire al controllo di massa e individuale dei comportamenti, quelli stabiliti dai decreti del Governo Conte (atti amministrativi).
Risulta previsto che gli ” informatori” indosseranno un pettorale blu con le parole “assistente civico” scritte su questo e dovranno ricordare alle persone che si devono rispettare le direttive di distanziamento e di evitare assembramenti, abbracci, il bere in pubblico, il prendere il sole in spiaggia sdraiati (bisogna stare seduti o in piedi), correre nei parchi senza mascherina, ecc.ecc..
Questo programma è stato preparato dall’ineguagliabile ministro Boccia, ministro degli Affari regionali. Nel frattempo alcuni esponenti politici hanno già anticipato che, nell’attesa del vaccino anti covid-19, bisognerà iniziare a vaccinare tutti gli over 65 contro l’influenza e predisporsi alla app per il tracciamento, al braccialetto elettronico ed altri strumenti di controllo.
In pratica il ministro e altri membri del governo stanno preparando una milizia ausiliaria per arrivare al controllo di massa della popolazione, il vero obiettivo commissionato al governo Conte dalle centrali transnazionali che trasmettono le loro direttive in maniera “riservata” ai governi.
Non è escluso poi che, a questa nuova milizia, saranno poi dati i compiti di sorveglianza contro l’utilizzo del contante, un vecchia fissa della sinistra al governo, come le segnalazioni di coloro che non rispettano le direttive. Questo ricorda le spie di condominio e di azienda che esistevano nella DDR o nella Corea del Nord con un deciso scivolamento verso quella che si configura conme una dittatura tecnico sanitaria.
Si comprende quindi chi stia utilizzando l’emergenza del coronavirus per assicurarsi una svolta di regime con il controllo della popolazione e assicurandosi il consolidamento delle posizioni di potere e di nomina delle proprie clientele nei posti di governo, sottogoverno e aziende pubbliche.
Bando di arruolamento
Il piano ha suscitato indignazione e incredulità sui social media, con alcuni osservatori che si sono chiesti quale sia la qualifica di queste persone per poter svolgere una opera di sorveglianza di questo tipo. L’economista e autrice Ilaria Bifarini ha descritto la situazione come una “dittatura orwelliana basata sull’odio e sulla reciproca sfiducia”.
Le critiche non sono mancate ma in molti non hanno compreso che questo è soltanto l’inizio di una fase di deriva totalitaria che viene sospinta attraverso il potere consegnato alle equipe di tecnici, pseudo scienziati e infettologhi di cui si è circondato il governo (circa 400 a libro paga di Palazzo Chigi).
Non sono mancate in questa fase le minacce,neanche tanto velate, del tipo, “se non vi comportate bene chiuderemo un’altra volta i confini delle regioni e vieteremo i trsferimenti”, “mettiamo lo stato d’assedio la sera e facciamo chiudere i locali alle ore 19,00”.
Tutte minacce da regime di controllo che è un anticipo del sistema dominato dallo scientismo dogmatico verso cui il governo Conte/scienziati vuole condurre l’Italia, in spregio alle norme della Costituzione.
Qualcuno inizia intanto a subdorare l’inganno delle false comunicazioni pseudo scientifiche dei sedicenti scienziati del governo, altri come un gruppo di 30 medici legali e patologi hanno richiesto di capire perchè non sono state fatte le autopsie sui deceduti per il corona virus e questo fa sospettare che le statistiche siano state gonfiate per creare un clima di paura e di ansia fra la popolazione. Questo clima è considerato ideale per far accettare le misure eccezionali che il governo inizia a promuovere i controlli sulle spiagge.
D’altra parte non esiste un controllo di legittimità sugli atti del governo, tace la magistratura, tace la Corte Corte Costituzionale, tace la Presidenza della Repubblica, tacciono complici i grandi media e gli opinionisti a contratto.
La gente è disorientata e non sa come deve comportarsi, dirottata dalla manipolazione dei media, ma una cosa si è capita, lo stato d’assedio messo in atto non è contro il virus ma è contro il popolo, contro i lavoratori, per intimidire e prevenire ribellioni e rivolte quando, per l’acuirsi della crisi, mancherà anche il pane.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: