Crea sito

La Cina costringe 500.000 tibetani nei campi di lavoro forzato

La Cina sta spingendo centinaia di migliaia di tibetani nei campi di lavoro forzato, rispecchiando un programma nella regione occidentale dello Xinjiang, mentre il Comitato Olimpico Internazionale è sollecitato a privare Pechino delle Olimpiadi invernali.

Nuove prove suggeriscono che il governo cinese ora ha un programma obbligatorio di “formazione professionale” su larga scala in Tibet, che spinge più di 500.000 lavoratori rurali in centri di formazione in stile militare di recente costruzione solo nei primi sette mesi di quest’anno.

Le prove sono state raccolte dall’antropologo tedesco Adrian Zenz, la cui ricerca è stata determinante per aumentare il profilo del rafforzamento della sicurezza e della detenzione di massa degli uiguri nella remota provincia cinese dello Xinjiang.

I campi di lavoro sono accompagnati da indottrinamento forzato, sorveglianza intrusiva e dure punizioni per coloro che non riescono a rispettare le quote di trasferimento di lavoro, secondo la ricerca.

Il nuovo rapporto del dottor Zenz, sponsorizzato da una coalizione globale di parlamentari che hanno esortato i governi ad adottare una posizione più dura nei confronti della Cina, afferma che Pechino ha stabilito delle quote per il trasferimento di massa dei lavoratori rurali all’interno del Tibet.

La politica di trasferimento del lavoro impone che i pastori e gli agricoltori siano sottoposti a una formazione professionale centralizzata “in stile militare”, che mira a riformare il “pensiero a ritroso” e include la formazione in “disciplina del lavoro”, diritto e lingua cinese.

Le nuove prove eserciteranno ulteriori pressioni sulla situazione dei diritti umani della Cina, che è stata criticata per le sue politiche nello Xinjiang, dove più di un milione di uiguri di etnia uigura sono stati costretti a rifugiarsi nei campi di internamento e per un giro di vite sui leader democratici di Hong Kong.

Il deputato liberale australiano Andrew Hastie e il senatore laburista Kimberley Kitching, co-presidenti dell’Alleanza interparlamentare sulla Cina, hanno affermato che i risultati del dottor Zenz sulla situazione in Tibet sono allarmanti tanto quanto il trattamento degli uiguri nello Xinjiang.

“Proprio come la comunità internazionale è stata giustamente indignata per i dettagli presentati nei giornali dello Xinjiang e per il trattamento del popolo uigura, saranno altrettanto turbati da questo rapporto sui campi di lavoro forzato nella regione autonoma del Tibet”, hanno detto Hastie e Kitching in una dichiarazione congiunta.

Il fondatore dell’alleanza dei parlamentari, Sir Iain Duncan Smith, ha esortato il CIO a riconsiderare Pechino come l’ospite dei Giochi Olimpici Invernali nel 2022. I parlamentari di Nuova Zelanda, Paesi Bassi e Regno Unito si sono chiesti se i giochi possano continuare in Cina nel mezzo le crescenti preoccupazioni sui diritti umani e le restrizioni alla libertà di stampa.

L’ex capitano del calcio australiano Craig Foster ha detto martedì che il CIO sarebbe direttamente responsabile se consentisse ai suoi “mega eventi di essere utilizzati per mascherare abusi su vasta scala che si verificano all’ombra degli stadi”.

“È quasi impossibile vedere come la Cina possa organizzare un mega evento sportivo in conformità con questi diritti umani fondamentali poiché molti sono antitetici ai principi governativi stessi”, ha detto Foster, professore a contratto presso la Torrens University.

Il deputato liberale Dave Sharma, che guidava la Divisione Internazionale del Dipartimento del Primo Ministro e del Gabinetto, ha affermato che un boicottaggio rafforzerebbe le opinioni.

nazionaliste in Cina, intensificherà una “mentalità da guerra fredda” e ostacolerà i tentativi di moderare le azioni del Partito comunista cinese regione.

Sharma, l’ex ambasciatore australiano in Israele, ha detto che il prestigio nazionale della Cina è “in pericolo” e che si potrebbero ottenere concessioni sui diritti umani, le libertà civili e le libertà dei media prima dei giochi.

“Non vogliono che il loro prestigio internazionale diminuisca. Significherebbe che dovranno finire per accettare tutta una serie di cose che in tempi normali non sarebbero d’accordo”.

La portavoce per gli affari esteri del Labour Penny Wong ha detto che le Olimpiadi metterebbero la Cina sotto i riflettori “, compreso il controllo della loro situazione dei diritti umani” e ha esortato il CIO a “garantire che i media internazionali possano riferire liberamente”.

Martedì, un eminente critico del presidente cinese Xi Jinping, Ren Zhiqiang, è stato condannato a 18 anni di carcere per appropriazione indebita di oltre $ 10 milioni e per aver preso $ 255.000 in tangenti. La sentenza è arrivata mesi dopo aver descritto Xi come “un pagliaccio” in un saggio molto critico sulla sua risposta alla crisi del coronavirus.

Carl Minzner, professore di diritto cinese alla Fordham University, ha detto che l’incarcerazione del magnate della proprietà con legami di partito di alto profilo ha inviato un messaggio che il dissenso non sarebbe stato tollerato.

“Questo è un uomo d’affari di alto rango. Molti pensavano che fosse intoccabile, ma prende posizione contro Xi e ottiene 18 anni di prigione. Ne è stato un esempio”, ha detto Minzner da Taipei.

Traduzione di Roy Merlo,Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu

Fonte: The Sydney Morning Herald,22/09/2020

Articolo in inglese:China forces 500,000 Tibetans into labour camps

link all’articolo:https://www.laogai.it/la-cina-costringe-500-000-tibetani-nei-campi-di-lavoro-forzato/

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: