Crea sito

La crescente censura su Internet dimostra il fallimento dei media mainstream

Se non puoi competere, imbroglia: la censura silenziosa di Twitter su RT e altri media collegati allo stato dimostra che la narrativa degli Stati Uniti non è all’altezza.

Meno di tre mesi prima delle elezioni statunitensi, Twitter ha quasi seppellito tutti i media RT e altri media gestiti dagli stati odiati da Washington (Russia, Cina, Iran), al punto che anche le ricerche per nome non producono risultati. Per un paese che si suppone aderisca al libero mercato, gli Stati Uniti odiano chiaramente la concorrenza.

Gli account Twitter ufficiali di RT (Russia), Xinhua (Cina), Press TV (Iran) e altri media di proprietà del governo che non piacciono agli Stati Uniti vengono messi nell’ombra, confermando che Twitter sta prendendo il seriamente il suo ruolo di uno dei principali garanti della supremazia americana nel campo dell’informazione. Ma annegare i rivali di Washington nella fossa dell’oblio significa ammettere tacitamente che la stessa supremazia dell’informazione sarebbe condannata senza una censura così dura.

Twitter non solo ora si rifiuta di rispondere automaticamente alle ricerche di RT ufficiali, Sputnik, Xinhua, Global Times e una manciata di altri media appartenenti a Russia e Cina (inserisci i loro nomi ufficiali nella barra di ricerca, anche includendo il simbolo @, non produce risultati per gli utenti che non sono già iscritti a questi account). La piattaforma ha sostanzialmente reso impossibile per l’utente medio di Twitter inciampare, deliberatamente o accidentalmente, sui propri post.

La disattivazione della funzione “Nascondi contenuti sensibili” nelle impostazioni di ricerca consente agli account dei media statali di apparire come “persone”, a condizione che il loro ID venga cercato esattamente, con il simbolo @, nel qual caso appariranno con il tag di avviso “media affiliati allo stato” che Twitter ha incluso come “tag elettorale”. Ma le pubblicazioni di questi media non saranno visibili da nessuna parte se non sui loro feed. L’esecuzione degli account tramite Shadowban.eu conferma che sono soggetti a un “divieto di suggerimento di ricerca”

Mentre Twitter ha annunciato all’inizio di questo mese che avrebbe rimosso gli account multimediali gestiti dallo stato da tutti i feed “consigliati”, inclusa la schermata iniziale, le notifiche e la ricerca, la nuova formulazione della politica ha lasciato spazio all’interpretazione. Persino i dipendenti di alcune di queste organizzazioni pensavano, forse ingenuamente, che Twitter non si sarebbe spinto al punto di impedire che le ricerche di “RT” mostrassero RT nei risultati.
Twitter ha spiegato il fatto che media come BBC, NPR (National Public Radio) o Voice of America, tutti gestiti dallo stato (britannico o americano) [così come France TV, France 24, ecc.], Sono stati risparmiati da questa politica affermando che queste organizzazioni hanno mantenuto un certo grado di indipendenza editoriale. Molte voci hanno denunciato questo come un palese doppio standard, ma prima di apprendere quanto Twitter intendesse seppellire le sue vittime.

Mentre Twitter ha teoricamente una responsabilità finanziaria nei confronti dei suoi azionisti che sarebbe meglio servita dando ai clienti ciò che vogliono, la multinazionale americana sembra aver deciso da tempo che gli unici utenti che contano sono lo zio Sam e il suo cliente. Anche se i suoi legami con l’impero non sono così evidenti come, ad esempio, la partnership di “integrità elettorale” di Facebook con il famigerato think tank a favore della guerra Atlantic Council, uno dei migliori dipendenti d’Europa . Twitter lavora per il 77 ° gruppo di propaganda della brigata britannica, e un altro membro dello staff, che ha lavorato alla campagna presidenziale del candidato alla vicepresidenza democratica Kamala Harris, è sospettato di aver manipolatotemi di attualità per rafforzare le sue possibilità di accesso alla Casa Bianca. I rappresentanti delle aziende si sono incontrati con le agenzie di intelligence statunitensi in diverse occasioni per “garantire” le elezioni del 2020 .
La censura dei media statali “ nemici ” è solo una parte di un’ampia repressione multipiattaforma delle informazioni che va contro la narrativa dell’establishment statunitense, con i medici che raccomandano l’idrossiclorochina come trattamento per il coronavirus a dichiarazioni positive o addirittura neutre sul generale iraniano assassinato Qassem Soleimani.

Lo scandalo dell’idrossiclorochina 

Anche le divagazioni infantili dei teorici della cospirazione di QAnon che credono che Trump stia solo fingendo di sguazzare nella palude che ha promesso di prosciugare, giocando a “scacchi 4D” per ingannare i suoi nemici, sono ora considerate troppo pericolose per Twitter. e Facebook, mentre la semplice esistenza della piattaforma cinese TikTok, un social network estremamente popolare non controllato dagli americani, ha fatto infuriare così tanto l’amministrazione Trump che il presidente sta cercando di comprarlo (o, se fallisce, di proibirlo) con i mezzi più subdoli.

Se Washington può vincere la battaglia dei cuori e delle menti solo mettendo a tacere i suoi concorrenti, il problema non è con i media statali russi o cinesi, ma con la scarsa qualità della propaganda americana e la sua crescente divergenza con la realtà. Vendere una nazione in bancarotta i cui cittadini si stanno continuamente lacerando a vicenda dipingendola come un’idilliaca cittadina collinare, un fulgido esempio per le democrazie di tutto il mondo, è un compito arduo, ma i marketer dell’impero lo hanno capito è molto più facile convincere le persone che il cielo è verde quando tutte le finestre che permetterebbero loro di uscire sono sigillate.

traduzione: Gerard Trousson

Fonte: /lecridespeuples.fr
di Helen Buyniski.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: