Crea sito

L’invasione continua di F.Bellan

Mentre un governo, a dir poco d’incapaci, con le nuove disposizioni in chiave anti Covid sembra indirizzare l’Italia verso un nuovo lockdown (forse in previsione delle prossime elezioni regionali?), arrivando ad imporre l’obbligo della famigerata mascherina nelle spiagge dopo le 18.00, in caso di fantomatici assembramenti, da Trieste ed in tutto il Friuli Venezia Giulia continua incessante l’afflusso di immigrati provenienti dalla rotta balcanica, esattamente come continuano gli arrivi via mare sulle coste italiane. 

Rintracci d’immigrati positivi e successive fughe dai centri d’accoglienza alla faccia delle disposizioni o della quarantena positiva sono all’ordine del giorno, e su queste situazioni cos’hanno da dire le istituzioni impegnate a contrastare il vampiresco vairus, dalle 18.00 della Sera alle 6.00 del mattino? Una beata minchia, parafrasando Certo Laqualunque, che sarebbe un politico estremamente più serio rispetto a quelli che siedono sulle poltrone di comando, o meglio dei loro business. 

Al di là delle risate nell’ultimo periodo sembra ci sia una vera e propria impennata degli “arrivi”, intercettati a tutte le ore, stipati dentro furgoni, camper ed anche camion, per essere scaricati ovunque, chi viene intercettato cerca di farsi passare per minorenne. 

Intanto, a ferragosto, una ragazzina quindicenne è stata violentata da tre immigrati a Lignano Sabbiadoro, i tre sarebbero minorenni e leggendo le cronache ospiti di un’apposita struttura d’accoglienza, ma quel che dà maggiormente il voltastomaco nella vicenda, e che sia chiaro che se fossero stati italiani lo schifo sarebbe stato il medesimo, sono certi commenti rivolti magari alla società, o alla famiglia, o altre castronerie del genere. Sulla questione si è espresso perfino un sindacato, la Cisl, lo avrebbe fatto anche se si fosse trattato di tre italiani? 

Una ragazzina di 15 anni che sia fuori alla sera in una località di villeggiatura come Lignano Sabbiadoro non è anormale, quello che non dovrebbe accadere né ad una ragazzina né a nessuna donna: subire uno stupro, quello è anormale, come sono anormali certi commenti e certi giudizi su una questione del genere, quasi rivolti a cercare di dare spiegazioni, spostando l’attenzione dall’episodio a considerazioni fuorvianti, come in una sorta di giustificazionismo rivolto verso questo schifo di società in cui ci tocca vivere. 

Intanto dal parlamento europeo il piddino David Sassoli, che siede sulla poltrona della presidenza di quell’istituzione, plaude ed incoraggia il lavoro delle ONG per il recupero dei cosiddetti profughi ed il successivo traghettamento in un’Italia che peggiora di giorno in giorno, di concerto con tutta quella sinistra accogliente e buonista, che mira alla distruzione dell’Italia e dell’Europa in ossequio a lobbies economiche e poteri forti. 

Questa società fa schifo, questa società è proprio la negazione del significato della parola società, ed i responsabili chi sono? Sono loro, quelli che ci stanno sfasciando le palle con la loro cosiddetta ” società civile “, dall’ultimo dei cosiddetti ” volontari ” dell’accoglienza ai grandi giornalisti politicamente corretti, dai partiti di governo a chi siede sulle poltrone delle istituzioni… “anche se voi vi credete assolti siete lo stesso coinvolti”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: