Crea sito

L’opera dell’informazione in Italia di F.Bellan

Le principali rete televisive come i grandi quotidiani politicamente corretti anche oggi hanno avuto il loro lavoro da svolgere.

Nulla da dire sulla manifestazione in Sudafrica contro gli assalti nelle fattorie, che si concludono con stupri e brutali omicidi, nell’indifferenza di tutti, comprese le indagini di quella polizia che oggi, stando alle riprese on linea, ha attaccato chi protestava per i crimini attuati contro la propria gente.

La manifestazione oceanica che c’è stata a Berlino contro il governo e contro le imposizioni per il covid è stata addirittura negata, secondo qualche media “nostrano” non ci sarebbe stata in quanto proibita.

Tutti a piangere per la nave di “poveri immigrati” in arrivo, quella di Banksy, ben guardandosi dal riportare le amenità dette dai componenti dell’equipaggio, i salvataggi in mare per loro sarebbero “lotta antifascista”. Compreso, forse, anche il loro abbandono in quel che resta della nostra Italia?

La ” società aperta ” di Soros & company, di lobbies economiche e poteri forti, avanza ed i risultati si vedono, eccome, basta guardare nel campo di quel che dovrebbe essere l’ondata “informazione”.

Infine, l’ultima chicca di repubblica, che attribuisce la responsabilità degli incidenti successi in Svezia agli immancabili ” estremisti di destra “… Sì, al grido di Allah akbar… Per quest’ultima ” notizia “, riportiamo di seguito il commento della pagina Geopolitical news PR, in maniera tale che ognuno possa trarre le proprie conclusioni.

” Sapete perché, oltre alle foto delle violenze di Malmo, abbiamo anche cercato in fretta e furia un video che le descrivesse? Perché sapevamo il modo in cui la grande stampa avrebbe raccontato i fatti.

E poi i faziosi saremmo noi. Andrea Tarquini, La Repubblica: gli scontri non sarebbero stati provocati dagli abitanti del quartiere multietnico di Rosengard, ma da 300 islamofobi di estrema destra.

Menomale che abbiamo pubblicato quel video, che vi invitiamo a riguardare, dove si può a) vedere l’identità dei presenti, b) sentire dal primo all’ultimo minuto “Allah akbar”, fatto che smentisce la ricostruzione de La Repubblica.

Leggansi anche le fonti che abbiamo allegato ai post, anglofone e scandinave, in cui manca ogni riferimento alla guerriglia fra estremisti di destra e polizia – perché semplicemente non c’è stata.

Come abbiamo scritto, questo è un riepilogo:

  • Due giovanissimi svedesi vengono rapiti, violentati, torturati e sepolti vivi da due spacciatori
  • Viene organizzato corteo anti-immigrazione da parte di un gruppo di estrema destra, durante il quale viene bruciato un Corano
  • Il video del Corano bruciato diventa virale e la popolazione di Rosengard insorge, mettendo a ferro e fuoco il quartiere e scontrandosi con la polizia
  • Abbiamo caricato foto e video che documentano i fatti
  • Condanniamo in maniera ferma e uguale a) il rogo del Corano, libro sacro di una religione che ha oltre un miliardo di fedeli, b) il crimine brutale ai danni dei due preadolescenti, c) le violenze dei riottosi, d) la disinformazione della grande stampa”
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: