Crea sito

Negli Stati Uniti, fra i giornalisti si diffonde l’isteria per la dichiarazione di Putin

Gli eventi dell’aprile 1961 vengono, ancora oggi, regolarmente ricordati in Occidente. Soprattutto negli USA. Il 12 aprile, Yuri Gagarin è diventata la prima persona nella storia del mondo a volare nello spazio. Da allora, Washington si è posta un obiettivo: in nessun caso permettere una cosa del genere in futuro. Gli statunitensi ebbero semplicemente paura di ammettere la sconfitta.

Di recente, il leader russo Vladimir Putin ha annunciato la registrazione del primo vaccino al mondo contro l’infezione da coronavirus. Questa notizia, naturalmente, si è diffusa in tutto il mondo. Tuttavia, l’Occidente ha messo in dubbio il successo degli specialisti russi. Qualcuno ha cominciato a dire che i servizi speciali della Federazione Russa avevano rubato sviluppi delle sperimentazioni in altri stati, qualcuno era addirittura pronto a morire, ma a non usare il vaccino russo.

La giornalista del Washington Post, Kathleen Parker, in particolare, ha aperto il suo cuore. Ha tracciato un parallelo tra la creazione di un vaccino e il rilascio di notizie nella stampa serale e mattutina. Secondo lei, in fretta, i media di solito pubblicano informazioni che spesso devono essere corrette o integrate al mattino.

Parker ha affermato che il vaccino russo Sputnik-V, il cui uso di massa dovrebbe essere lanciato nel nostro paese ad ottobre, non è stato finalizzato. È convinta che Mosca sia troppo frettolosa e compia sacrifici ingiustificati.
La giornalista americano non si è soffermata sul fatto che i test sui vaccini continuano e l‘uso universale di questo vaccino inizierà solo dopo la terza fase del test. La giornalista se la ride francamente per il fatto che una delle figlie di Putin abbia provato il vaccino su se stessa.
Alla fine della sua opera, Kathleen Parker cerca di difendere la posizione dell’élite americana. Afferma che nessuno negli Stati Uniti è interessato allo sviluppo del brevetto russo. Allo stesso tempo, Kathleen sta cercando di far credere agli americani che il vaccino russo, denominato Sputnik V sia pericoloso per la vita.
“Primo, uccidete i dottori”, questo può sembrare un po ‘poco costruttivo, ma Putin sottolinea che saranno volontari “, scrive il giornalista.
In sintesi, la propagandista americana dichiara di essere pronta a morire, ma non a riconoscere la vittoria della Russia.
“Quanto a me, preferisco aspettare il giornale del mattino, in cui sono già state apportate tutte le correzioni e modifiche”, ha concluso l’americana.
Tutto questo suggerisce che l’élite americana è pronta a far sterminare la popolazione degli Stati Uniti per la pandemia, ma non a riconoscere la vittoria della Russia. Quindi questa ottusità l’hanno ottenuta molti anni fa.

Oltre 20 paesi richiedono 1 miliardo di dosi di vaccino russo contro il Covid-19
Nel frattempo il capo del Fondo per gli investimenti diretti della Russia, Kiril Dmitiyev, ha affermato di aver ricevuto richieste sul vaccino che è stato messo in discussione in Occidente..
Secondo il capo del Fondo russo per gli investimenti diretti, Kiril Dmitiyev, l’entità ha ricevuto richieste da 20 paesi per acquisire il vaccino contro il Covid-19, approvato da Mosca.
Da questi paesi sono arrivate richieste per 1 miliardo di dosi del vaccino russo contro il Covid-19.
L’agenzia TASS riferisce che Dmitriyev ha assicurato che “vediamo un grande interesse all’estero per il vaccino russo sviluppato dal Gamaleya National Research Center for Epidemiology and Microbiology”.
“Abbiamo ricevuto richieste preliminari da 2 0 paesi per l’acquisto di oltre 1 miliardo di dosi del vaccino”, ha aggiunto.
Nota: In Occidente si aspettano ancora i risultati delle sperimentazioni dalle società collegate a Bill Gates, come la GAVI Alliance di Bill e Melinda Gates, a cui il Governo italiano ha già assegnato la modica cifra di 287 milioni di euro di finanziamento. Dal miliardario americano tutti si aspettano prima o poi il vaccino e per questo personaggio tutti i giornalisti e commentatori dei media occidentali esprimono “grande fiducia”. E’ un grande “benefattore” spiegano.

Nota: Luciano Lago

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: