POLITICA E VACCINI STORIA DI UN FALLIMENTO ANNUNCIATO

Di fronte a certe posizioni e dichiarazioni pubbliche di questi giorni, pensiamo di essere veramente fortunati ad avere questi politici al governo, incapaci e inadatti, specialmente dal punto di vista comunicativo.

Nel 2016/2017 eravamo in pochi a combattere per la libertà di scelta terapeutica ma anche in quel periodo la totale inettitudine dei politici ha fatto sì che divenisse evidente, a chi seguiva il filone, che molte cose non tornavano.

Oggi siamo di fronte ad una vasta platea di persone che ha paura o è reticente rispetto al vaccino, non per ideologia ma per esperienze negative personali o viste da vicino, e/o a causa della totale incapacità emersa nella gestione della pandemia e soprattutto della strategia vaccinale, coi molteplici cambi di direzione, con le contraddizioni, con i discorsi campati per aria e con gli atteggiamenti e le dichiarazioni antiscientifiche che tuttora si susseguono.

Certo, creano disagio e hanno arrecato non poche preoccupazioni, ledono diritti o minacciano continuamente di farlo e questo è logorante, ma guardatevi attorno e analizzate bene i fatti:
1) i quotidiani che sorreggono il teatrino politico, ormai sopravvivono pieni di debiti e con aiuti di Stato;
2) la maggioranza della popolazione ha una sistemica disaffezione alle istituzioni e la scienza riesce oggi a smontare le proprie tesi da sola, cambiando idea ogni giorno e riuscendo a dire tutto e il suo contrario nell’arco della stessa affermazione;
3) le persone che purtroppo hanno vissuto o stanno vivendo sulla loro pelle (o dei loro cari) gli effetti nefasti degli eventi avversi da vaccino, oggi viene minacciata ed etichettata come novax.

Hanno giocato tutto sull’etichetta NoVax, da 4 anni a questa parte, infarcendola di sdegno e odio, ma non si sono accorti che ora l’hanno appiccicata a chiunque, sia a chi si vaccinava ma poneva dubbi, sia a chi aveva avuto un danno da vaccino e sia a chi protestava per un’ideale.

Oggi chi ha creduto nelle istituzioni o ha semplicemente sperato che andasse tutto bene affidandosi ad esse, e ne è rimasto scottato, sta vivendo la stessa discriminazione e lo stesso disinteresse che hanno vissuto i genitori dei danneggiati da vaccino; oggi una persona che non ha mai preso parte né si è mai schierata con l’ambiente della libertà di scelta, alias la loro platea, alias la maggioranza che fino a ieri assisteva disinteressata alla campagna d’odio verso le famiglie che non vaccinavano, sta vivendo in prima persona gli stessi effetti e lo stesso sdegno e condanna delle istituzioni, sentendosi tradita.

Oggi, secondo Sandra Zampa, che ricopre l’incarico di Responsabile degli aspetti comunicativi relativi alle attività istituzionali del Ministero della Salute, a questa platea di persone andrebbe impedito persino di fare la spesa, e lo dichiara pubblicamente.

Oggi chi non si fida di una politica che da mesi si dimostra bugiarda e incoerente, e chi ha toccato con mano cosa significhi essere danneggiati da un vaccino venduto come salvifico e ritrovarsi soli, viene accomunato a chi ieri riteneva un fanatico complottista o negazionista o novax.

Questo è e sarà il loro fallimento più grande ed evidente. E lo hanno costruito loro stessi con le loro mani.

E.P.

Nucleo Femminile C.d.A.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: