Crea sito

Politicamente corretto? di F.Bellan

Le principali “notizie della settimana” sembrano essere la contestazione a Salvini e le polemiche, riguardo la tragica vicenda di Colleferro, che hanno soppiantato il fatto accaduto.

Ora sulla questione dell’ ” aggressione ” a Salvini, non ci si può che fare quattro risate. Ricordo nel passato di non aver mai visto tanti lamenti come questa volta, e come esempio, mi torna in mente un’immagine che aveva fatto il giro dei media in passato, Jean Marie Le Pen il capo del Front National francese, che non disdegnava di fronteggiare sotto il palco del comizio i suoi contestatori, logicamente con le conseguenti accuse di violenza e blablabla della grancassa mediatica verso il leader nazionalista. Ecco forse Salvini potrebbe gentilmente contattarlo per chiedere delle ripetizioni, come a scuola, su cosa vuol dire essere opposizione.

Scherzi a parte, l’altro argomento va cadere ovviamente su un antifascismo isterico, spocchioso, petulante e soprattutto ignorante, oltre i limiti dell’imbecillità, che ha visto un variopinto carrozzone, anzi un vero e proprio circo dove a farla da padroni sono pagliacci e cialtroni, “influencer” compresi o meglio la sublimazione della nullità assoluta, pontificare e speculare sulla tragedia avvenuta a Colleferro. Una tragedia che ha come protagonisti proprio il prodotto di questa società, della loro società, senza valori e senza ideali.

C’è da ritenersi fortunati, al giorno d’oggi, di non aver mai avuto a che fare con qualsiasi ambiente “politicamente corretto”, anzi credo che chiunque abbia attraversato un periodo di militanza politica nella propria vita ne sia consapevole, parliamo di militanza reale e non on line ovviamente, quella che ti fa uscire di casa con i tuoi camerati a qualsiasi ora e con qualsiasi tempo per fare quello che c’è da fare in nome di un ideale e dei valori, e chissenefrega dei ” contestatori “, dei giudizi della gente, o delle demonizzazioni dei media.

Purtroppo oggi viviamo in una ” società “, o meglio in una cloaca dove impera il politicamente corretto per di più dettato da delle nullità, che si tratti di politici, giornalisti, benpensanti, eccetera, fino a questi fantomatici ” influencer”, quindi dobbiamo tenere ben alti dentro di noi quei valori e quell’idea, da applicare come stile di vita, nella vita di tutti i giorni davanti a questo mondo marcio.

Orgogliosi del nostro passato, e ad esso fedeli, rivolti verso il futuro. La linea è chiara e ben delineata, da un lato la cosiddetta “società civile”, quella del villaggio globale e dei poteri forti, dall’altra chi invece non ha smesso di sognare un mondo migliore di questo.

Politicamente corretto? Non diciamo stronzate!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: