Crea sito

Succede in Polonia di F.Bellan

Polonia, è diventata una consuetudine ad ogni iniziativa attuata in favore di quel che dovrebbe essere l’ordine naturale oppure presso i luoghi di culto cattolici arrivano i collettivi lgbt in massa a contestare.

La tensione è alle stelle a Varsavia: lo scontro tra le due fazioni è più frequente e si arriva quasi sempre alle mani, con conseguente intervento delle forze dell’ordine

La lobby lgbt si sta specializzando in proteste davanti le chiese, dove cercano di impedire ai fedeli l’ingresso.

In questi casi è oramai scontato l’intervento di altri gruppi e di gente normale, in soccorso di chi  ‘ pretende ” di poter pregare liberamente nella propria chiesa. 

A Varsavia, domenica scorsa, la tensione si è innalzata fino al punto che è dovuta intervenire la polizia: dopo la reazione contro i manifestanti lgbt, le bandiere arcobaleno sono state date alle fiamme sotto ai loro occhi da parte dei nazionalisti e della gente comune esasperata da questa situazione. 

Dall’Italia intanto, va in onda il solito show, oltre alle immancabili solidarietà da parte dei soliti benpensanti di sinistra verso gli attacchi della lobby lgbt contro i fedeli, e contro la vita, non potevano mancare le menzogne del solito quotidiano “politicamente corretto”: questa volta sono riusciti ad inventarsi, un paio di settimane fa, un gay pride inesistente con scontri annessi altrettanto inesistenti, per giustificare l’arresto di un esponente lgbt che in precedenza si sarebbe reso responsabile di un assalto contro un furgone di propaganda prolife ed il ferimento di un attivista, era anche sospettato di una serie di profanazioni alle chiese. Gli altri attivisti hanno cercato di non farlo arrestare e quindi ci sarebbe stata la reazione della polizia: da qui ad inventarsi un gay pride represso dalla violenza della polizia, in stile sudamericano, c’è un abisso, eppure è così che funziona certa ” informazione ” in Italia. 

Di seguito un articolo che illustra la situazione in Polonia tratto dal sito Geopolitical news PR

https://geopoliticalnewspr.news/2020/08/11/lgbt-e-polonia-cosa-sta-succedendo/

Nelle prime due foto militanti nazionalisti polacchi, la terza lo “scoop fantasioso” di certo “giornalismo nostrano”, nella quarta la solidarietà “politicamente corretta”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: