Crea sito

UN MILITARE USA MORTO IN SIRIA E ALTRI FERITI. di L.Lago

AUMENTANO GLI ATTACCHI CONTRO I CONVOGLI USA NEL NORD

Era stato quasi simultaneo: due giorni dopo che un nuovo convoglio militare americano aveva lasciato il Kurdistan iracheno per recarsi ad Hasaka (Siria) attraverso il valico di Al Walid, un militare americano è morto e altri feriti.Ovviamente, lo staff del CentCom, il cui comandante in capo è andato clandestinamente ad Hassaka una settimana fa per incontrare il leader della milizia SDF, costitito per lo più da curdi, credendo che di poter “neutralizzare” il tasso di attacchi anti-americani nel nord-est. dalla Siria, ha dichiarato che il militare è morto in “un incidente non legato ad atti nemici”.Dal 17 giugno e l’entrata in vigore del Caesar Act, la resistenza americana contro l’occupazione in Siria ha guadagnato slancio, come mai prima d’ora.Questo è il quarto attacco americano negli ultimi due mesi riportato dalle agenzie, nel contesto delle proteste quasi quotidiane degli abitanti di Hasaka, Qamishli e Deir Ezzor, in cui chiedono la cessazione del furto del petrolio siriano e il ritiro dell’esercito USA dal territorio della Siria, dove sono stati installati illegalmente.La coalizione americana non ha menzionato il nome o le circostanze della morte, ma ha affermato che il veicolo corazzato su cui era a bordo il soldato si era rovesciato nella provincia di Hasaka e che molti altri soldati erano stati feriti “. Un attacco missilistico, una mina anti-armatura, una bomba lungo la strada?L’incidente è avvenuto contemporaneamente all’arrivo, il 20 luglio, di un convoglio di 65 camion, veicoli corazzati e veicoli Hummer diretti verso la base illegale statunitense nell’area di Al Malikiyah nella provincia di Hasaka.Circa dieci giorni fa, le forze dell’esercito siriano hanno costretto un convoglio di diversi veicoli militari USA a ritirarsi nel nord-est del paese.Secondo i rapporti ricevuti, le forze siriane hanno impedito a un convoglio militare americano di continuare il suo viaggio verso Tell Tamar, situato nella provincia di Hasaka.Il 4 luglio, la stazione televisiva Al Alam ha riferito di un’esplosione nei pressi di una base militare americana nella città di Ash Shaddadi, nella provincia di Hasaka.“Il Caesar Act (legge delle sanzioni ) ha molto curiosamente cambiato la situazione contro gli americani. Anche il più neutrale dei siriani ora rifiuta la presenza delle forze americane. È un sentimento sempre più condiviso sulla sponda orientale dell’Eufrate. Odiamo gli Stati Uniti tanto quanto odiamo la Turchia “, afferma un testimone citato da Al Masdar News.Fonte: premere TVTraduzione: Luciano Lago

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: